Napoli: stazioni d'arte in metropolitana

Le stazioni d'arte della metropolitana nascono da un progetto del Comune di Napoli risalente al 1995. Da quel momento è iniziata la riqualificazione di vaste aree del trasporto pubblico, coinvolgendo architetti, artisti, designers di fama internazionale e portando alla realizzazione di stazioni tecnologiche, colorate, esteticamente splendide dove il passeggero può avvicinarsi ad opere di arte contemporanea, conoscerle, immergersi e vivere la bellezza nella quotidianità. Un museo continuo, aperto a tutti, fruibile da tutti. 

Pulitissime, ordinatissime, sicure. L'operazione condotta sulla metropolitana di Napoli dimostra chiaramente come la riqualificazione degli spazi urbani porti inevitabilmente con sè una nuova consapevolezza da parte dei fruitori, una nuova forma di rispetto: non una scritta sul muro, non un mozzicone per terra, ma una forte idea di innovazione e futuro. Concluderei affermando che il luogo condiziona il comportamento di chi lo abita: la bellezza genera bellezza.
Attualmente le stazioni d'arte sono 15, ma in progetto ce ne sono altre. Sono distribuite lungo la linea 1 e 6.

Metropolitana Vanvitelli Napoli
Mario Merz

Vanvitelli

Restaurata nel 2004  da Lorenzo e Michele Capobianco, con la consulenza di Achille Bonito Oliva
Tra l'atrio e le banchine è installata una grandissima opera di Mario Merz: una spirale che rappresenta la successione Fibonacci e prosegue sulla parete di fondo con la raffigurazione di animali preistorici.

Fermata metropolitana Vanvitelli
Mosaico di Isabella Ducrot

Stazione Vanvitelli
Stella di Gilberto Zorio

Metropolitana Vanvitelli
Spirale di Mario Merz
Sulle pareti ci sono fotografie, sculture, stelle di Gilberto Zorio, mosaici di Isabella Ducrot.

Quattro giornate
E' intestata ai giorni dell'insurrezione che liberò Napoli dall'occupazione nazista. Il restyling è stato affidato all'architetto Domenico Orlacchio nel 2001 che, oltre alla stazione, ha curato anche l'allestimento della piazza esterna. All'interno ci sono installazioni riguardanti le Quattro giornate di Napoli, con opere di Nino Longobardi, Marisa Albanese, Sergio Fermariello ed altre opere di arte contemporanea.

Metropolitana quattro giornate
Baldo Diodato-Exit

Metropolitana quattro giornate
Sergio Fermariello-Anime migranti


Salvator Rosa
E' stata progettata nel 2001 da Alessandro Mendini, il quale ha riqualificato tutta l'area intorno alla stazione, i resti di un ponte romano e i palazzi circostanti attraverso l'intervento di artisti  come Mimmo Rotella, Ernesto Tatafiore, Mimmo Paladino, Renato Barisani, Gianni Pisani. Mediante una lunga scala mobile esterna si raggiunge il parco giochi, ideato da Salvatore e Mimmo Paladino.La stazione è dotata di una seconda uscita indicata dalla guglia dell'atelier Mendini, sul cui basamento ci sono rilievi in ceramica di Enzo Cucchi.

Stazione metropolitana Salvator Rosa
Perino&Vele-A subway è chiù sicura

Perino&Vele-A subway è chiù sicura
Perino&Vele-A subway è chiù sicura

L'installazione di Emiliano Perino e Luca Vele dal titolo "A subway è chiù sicura" lancia un chiaro messaggio: la metropolitana è più sicura ed ecologica rispetto alle automobili.

Materdei
Progettata da Alessandro Mendini nel 2003, si è classificata al sedicesimo posto come stazione della metropolitana più bella d'Europa. All'interno della fermata  c'è un mosaico di Sandro Chia, un altorilievo di Luigi Ontani e le policromie di Sol Lewitt. Sulle pareti delle banchine ci sono inoltre molte serigrafie di artisti meno noti, ma molto suggestive.

Sol Lewitt
Sol Lewitt

Stazione mater dei
Mia figlia Tosca e Sol Lewitt

Mia figlia Tosca e Sol Lewitt
Mia figlia Tosca e Sol Lewitt

Anna Gili-Something drink
Anna Gili-Something drink

Stefano Giovannoni-Jam Session
Stefano Giovannoni-Jam Session

Domenico Bianchi-Senza titolo
Domenico Bianchi-Senza titolo

George Souden-Senza titolo
George Souden-Senza titolo

Luigi Ontani-Spulcinellando, sguazzando, scugnizzando
Luigi Ontani-Spulcinellando, sguazzando, scugnizzando


Museo

E' stata disegnata da Gae Aulenti ed inaugurata nel 2000. L'esterno è in calcestruzzo, acciaio e vetro e dipinto in rosso pompeiano. All'interno ci sono copie di opere custodite nel Museo archeologico nazionale, come l'Ercole Farnese, Testa di cavallo, il Laocoonte e fotografie di Mimmo Jodice che accompagnano il passeggero alla linea 2. Il corridoio di collegamento al Museo Archeologico ospita "Stazione Neapolis", un'esposizione di reperti rinvenuti durante gli scavi per la realizzazione della metropolitana.

Ercole Farnese
Ercole Farnese

Dante
E' stata progettata da Gae Aulenti ed inaugurata nel 2002. All'interno ci sono opere di molti artisti contemporanei, tra cui Jannis Kounellis, autore di un'installazione "Senza Titolo", con binari, scarpe, abiti che rappresentano il viaggio. Un altro artista è Joseph Kosuth che ha installato "Queste cose visibili", un lungo neon con un brano del Convivio scritto da Dante.Michelangelo Pistoletto e Nicola De Maria hanno dato il loro contributo in alcune performance artistiche.

Jannis Kounellis-Senza titolo
Jannis Kounellis-Senza titolo

Nicola De Maria-Universo senza bombe, regno dei fiori, 7 angeli rossi
Nicola De Maria-Universo senza bombe, regno dei fiori, 7 angeli rossi

Michelangelo Pistoletto-Intermediterraneo
Michelangelo Pistoletto-Intermediterraneo

Joseph Kosuth-Queste cose visibili
Joseph Kosuth-Queste cose visibili

Toledo
Secondo il quotidiano inglese The Daily Telegraph Toledo è la stazione metropolitana più bella d'Europa. Nel 2013 vince il premio Emirates Leaf International come intervento pubblco dell'anno. Nel 2015 premio International Tunnelling Association, Oscar delle opere sotterranee. E' stata progettata dall'architetto spagnolo Oscar Tousquets.

Oscar Tousquetz Blanca-Crater de luz
Oscar Tousquetz Blanca-Crater de luz

Robert Wilson-Relative light
Robert Wilson-Relative light

Municipio
E' stata progettata da Alvaro Siza ed Edoardo Souto de Moura. Inaugurata nel 2000, ha subito  27 modifiche rispetto al progetto originario a causa dei ritrovamenti archeologici sul sito, tra cui cinque navi di epoca romana, al punto che, all'interno della stazione, verrà allestita un'area museale permanente.

fermata metropolitana
Ritrovamenti  archeologici

Università
E' stata progettata da Alessandro Mendini e dal designer Karim Rashid. I due colori base sono il fucsia e il verde acido. Giochi ottici, effetti luminosi, immagini stereoscopiche caratterizzano questa fermata. Sulle alzate delle scale ci sono le immagini di Dante e Beatrice; sui muri di ingresso le piastrelle riportano neologismi tecnologici.

Karim Rashid-Synapsi
Karim Rashid-Synapsi

Karim Rashid-Beatrice
Karim Rashid-Beatrice

Karim Rashid-Dante
Karim Rashid-Dante

Karim Rashid-Dante
Karim Rashid-Transpose pink

metropolitana università
Scale mobili

università
Karim Rashid-pavimentazione

Karim Rashid-Ikon lenticular
Karim Rashid-Ikon lenticular

Karim Rashid-
Karim Rashid

Karim Rashid-Mutablobs
Karim Rashid-Mutablobs

metropolitana università
Pavimentazione

Garibaldi

Progettata dall'architetto Dominique Perrault, è stata inaugurata nel 2013. Una grande copertura in acciaio e teflon  collega la galleria commerciale alla stazione FS e Circumvesuviana. Ci sono installazione di Michelangelo Pistoletto.

Michelangelo Pistoletto
Michelangelo Pistoletto

dominique perrault

garibaldi

Garibaldi stazione
Dominique Perrault

Altre stazioni d'arte della metropolitana napoletana si trovano sulla linea 6 e sono: Mostra, Augusto, Lala, Mergellina, Rione Alto.



Per visitare le stazioni, mettete a disposizione un'intera giornata perchè la qualità e quantità di opere, strutture, installazioni da vedere è veramente elevata. Potete comprare un biglietto giornaliero che, con poco più di 3 Euro, vi consentirà di entrare e uscire dalle stazioni tutte le volte che vorrete. Vi assicuro che ne vale la pena, un'overdose di bellezza!

DOVE DORMIRE
Vi consiglio questo appartamento: Loft in Palazzo Trina


1 Commenti