I mosaici di Aquileia

Aquileia è uno dei più importanti siti archeologici dell'Italia settentrionale. 

È patrimonio UNESCO dal 1998 per il valore dei mosaici pavimentali della Basilica di Santa Maria Assunta, risalenti al IV secolo, e per i resti musivi di età romana e paleocristiana. Oltre al complesso basilicale quindi vi consiglio di includere nella vostra visita anche il Museo Nazionale Paleocristiano, il Foro Romano ed il Museo Archeologico Nazionale.

Blog di viaggi
I mosaici di Aquileia

Fondata nel 181 a.C., Aquileia costituì uno dei grandi poli nevralgici dell'impero romano. Fu florido emporio commerciale, centro amministrativo ed artistico dall'età repubblicana a quella imperiale, anche grazie ad una efficiente rete di vie di comunicazione ed al sistema portuale. Giulio Cesare stabilì i suoi accampamenti bellici intorno ad Aquileia durante le campagne militari contro gli Elvezi
Venne in parte distrutta a causa dei saccheggi da parte degli Unni di Attila.

Blog di viaggi 2020
Basilica di Santa Maria Assunta ad Aquileia

La parte più antica della Basilica fu edificata con l'avvento del Cristianesimo dopo l'editto di Costantino, per volontà del vescovo Teodoro. Nell'XI secolo ci fu una quasi totale ricostruzione romanica e venne realizzato il campanile a cuspide. In seguito al terremoto del 1348, la chiesa subì ulteriori restauri con l' introduzione di elementi in stile gotico. Le decorazioni rinascimentali della zona del presbiterio risentono dell'influenza veneziana.

Cosa vedere ad Aquileia
I mosaici di Aquileia

La parte più preziosa della Basilica è costituita dai mosaici: all'interno infatti è conservato uno splendido pavimento, realizzato con tessere policrome e nere nel IV secolo. Data l'estensione della superficie, rappresenta la più estesa opera musiva cristiana d'Occidente. L'iconografia comprende ritratti, animali, natura e scene religiose. Tra queste, la figura di Gesù simboleggiato dal Buon Pastore, il Pesce acrostico e molte storie del Vecchio Testamento tra cui quella del profeta Giona. Frequente è anche la raffigurazione del Nodo di Salomone.

Luisa Bernasconi
I mosaici di Aquileia

Il soffitto ligneo intarsiato è stato realizzato nel 1500 da artigiani veneziani. 
Sotto il presbiterio c'è la Cripta degli Affreschi, interamente decorata da pittura parietale bizantina. La Cripta degli Scavi conserva invece le testimonianze di costruzioni appartenenti a diversi periodi storici: dai resti di una domus augustea a quelli di magazzini romani del III secolo, fino ai mosaici che rappresentano animali fantastici ricchi di significati simbolici e perfettamente conservati.

I mosaici di Aquileia
I mosaici di Aquileia

FORO ROMANO: fu costruito tra il II e il III secolo d. C. ed oggi sono visibili una parte del colonnato e dei portici ed i pavimenti della basilica civile.  Era il centro amministrativo e politico della città imperiale e si trovava all’incrocio del cardo con il decumano.

MUSEO PLALEOCRISTIANO: sorge sui resti di una basilica paleocristiana costruita nel 345. Si possono vedere preziosi mosaici a motivi geometrici con iscrizioni in greco e latino sul pavimento.

MUSEO ARCHEOLOGICO: è uno dei maggiori musei al mondo sull’età imperiale romana. Sono esposte sculture, gemme, monete e mosaici che ricostruiscono con fedeltà la vita quotidiana della popolazione.

DOVE MANGIARE: a pochi minuti da Aquileia mi sento di consigliarvi questo ristorante, ottimo nella qualità dei cibi, presentati con grande cura e creatività. Si possono trovare opzioni vegetariane e vegane. AL GRANAIO, via Tiel 4 Fiumicello

DOVE DORMIRE: vicinissimo alla Basilica è disponibile questo hotel, semplice ma pulito e molto comodo Hotel I Patriarchi

LIBRI IN VACANZA: vi propongo due testi sui tesori di Aquileia La Basilica di Aquileia ed un'utile guida Aquileia, storia, arte, archeologia

0 Commenti