Architettura e arte di Hundertwasser a Vienna

Arte, architettura e colore nelle opere di Friedensreich Hundertwasser: tutto ciò a Vienna e dintorni.

Architettura moderna a Vienna
Hundertwasserhaus Vienna

Friedensreich Hundertwasser è un artista poliedrico: scultore, pittore, architetto, grafico, disegnatore di francobolli. Nato a Vienna nel 1928 e morto nel 2000, è  un anticipatore della bioarchitettura. E' da subito refrattario agli insegnamenti accademici, frequenta la scuola d'arte solo il tempo essenziale per apprendere le tecniche fondamentali, ma poi se ne discosta e struttura la sua esperienza  attraverso viaggi in tutto il mondo: Europa, Marocco, Tunisia, Giappone, Nuova Zelanda, dove abita negli ultimi anni e dove è sepolto.

Blog di architettura
Hundertwasserhaus Vienna

Da adolescente Hundertwasser vive a stretto contatto con la natura, inizia a dipingere usando colori sgargianti, forme morbide, astratte e a spirale e sviluppando una tecnica chiamata transautomatismo, cioè una pittura primitiva e istintiva generata dall'inconscio. 
Nell'architettura applica sostanzialmente gli stessi principi adottati in pittura e progetta edifici liberi, colorati, ricoperti di vegetazione.

L'uomo è avviluppato in tre strati, la sua pelle, i suoi vestiti e i muri della sua casa....le finestre sono il ponte tra l'interno e l'esterno...sono come i pori della pelle. Le finestre sono l'equivalente degli occhi.... Così scrive Hundertwasser applicando all'architettura una visione olistica della progettazione, finalizzata al benessere psico-fisico dell'uomo in sintonia  con la natura ed i ritmi biologici. L'abbandono della linea retta, l'utilizzo di forme morbide e colori, l'inserimento di essenze verdi come parte integrante dell'edificio lo portano a diventare acerrimo nemico del Razionalismo. 

Blog di architettura moderna
Kunsthaus Vienna

La sua personalità eclettica, la sua etica ecologista, la sua esuberante creatività emergono in modo esplicito dai suoi manifesti:
1968 Manifesto per il boicottaggio dell'architettura
1972 Il diritto della finestra, il dovere dell'albero
1980 Che tutto sia ricoperto di vegetazione
1981 L'albero inquilino
1990 Il medico dell'architettura
Già i titoli.... cosa ne pensate? Io li trovo assolutamente poetici...

La sua opera architettonica più famosa è Hundertwasserhaus a Vienna, in Kegelgasse 36, realizzata tra il 1983 e il 1985. 
L'edificio è dipinto con colori vivaci, nelle facciate curvilinee ci sono inserti policromi di ceramica riciclata, le finestre sono diverse una dall'altra e i 52 appartamenti hanno terrazze trasformate in giardini pensili.

Blog di viaggi a colori
Hundertwasserhaus Vienna

Di fronte all'edificio c'è un piccolo centro commerciale con bar e negozi di souvenir,  Hundertwasser Village, da vedere anche questo.

Non distante dalla Hundertwasserhaus c'è il Kunsthaus progettato da Hundertwasser e sede della raccolta permanente delle opere dell'artista. Sulla facciata ci sono mosaici smaltati, decorazioni luminose e tante essenze vegetali. 
Il biglietto si può acquistare online: Kunsthaus Tickets

Gli edifici più strani del mondo
Kunsthaus Vienna

Sempre a Vienna si può vedere l'inceneritore di Spittelau, un impianto di trattamento termico dei rifiuti completamente ridisegnato da Hundertwasser dopo un incendio nel 1987.

Sull'autostrada che collega Vienna a Graz, a Bad Fischau, c'è invece un autogrill progettato dall'architetto, con i canoni che gli sono propri.

Gli autogrill più belli del mondo
Autogrill progettato da Hundertwasser

Altre opere sono a Salisburgo, Linz, Graz, e poi, tantissime, in Germania, ma anche in Giappone, Stati Uniti, Israele, Svizzera e Nuova Zelanda.

Dove dormire a Vienna
Dopo tanta bellezza, posso consigliarvi un albergo di design, progettato dall'archistar Jean Nouvel: Sofitel Vienna Stephansdom
Le linee, al contrario di quelle disegnate da Hunderdtwasser, sono pure e rette, luce e vetro gli elementi fondamentali, come tutte le opere dell'architetto francese. In questa essenzialità formale si inseriscono però soffitti coloratissimi, con grandi pesci fluttuanti, specchi riflettenti ed elegantissime camere di design. 

Jean Nouvel Vienna
Sofitel hotel Vienna



Libri in vacanza

0 Commenti